Al teatro! Card Pop-up Interattiva

Al teatro! Card Pop-up Interattiva

Salve, creative e creativi! Ecco arrivato il mio turno nella condivisione di un nuovo progetto come DT del Murrillo. Un appuntamento che aspetto con ansia e che non vedo l’ora di socializzare, un po’ curiosa delle vostre reazioni e dei vostri commenti a riguardo. Ho realizzato una card interattiva ad effetto pop-up, interattiva perché con questa card il destinatario può divertirsi a giocare e creare delle storie. Non ci credete? Continuate a leggere e vedrete la magia che si può creare allargando la mente e utilizzando in modo alternativo delle fustelle che siamo abituati a utilizzare in modo tradizionale.

Protagonista del mio progetto è ancora una volta il brand Lawn Fawn: la fustella “Theater add on” della Shadow Box Card abbinata ai deliziosi timbrini “Tiny fairy tale” e “Little Dragon”.

Ma ormai mi conoscete bene, io adoro mixare brand e plate disparate. E allora dopo aver tagliato del comune bazzil bianco per ottenere un cartoncino 15 x 15 cm con apertura classica a libro, l’ho rivestito con della carta patterned del pad di Viky Boutin, poi con la fustella quadrati cuciti della Crealies ho ottenuto un quadrato che ho spessorato e applicato al centro della card. Il quadrato spessorato è lo sfondo della prima scena: affinché desse l’idea di una carta da parati da interno di una cameretta, ho applicato una striscia di “pavimento” giallo ocra legnoso dal pad Wood della Lawn Fawn.

Con l’immancabile bimbetto di Impronte d’autore, ricavato dalla plate B Lettura (timbro in gomma da ritagliare e da montare sul magico cuscinetto Ezmount static cling mounting foam di cui vi ho abbondantemente parlato nei miei scorsi progetti DT) e alcuni elementi del set “All tucked in” della My favorite things, ho creato la scenetta di un bimbo intento nella lettura di una fiaba. L’effetto finale è così realistico e gradevole alla vista grazie allo scrupoloso gioco di livelli che ho avuto cura di mantenere sulla scena: il bimbo è spessorato sul letto che a sua volta è spessorato rispetto al comodino, che così appare in secondo piano. Spessorate anche le pantofoline e i quadretti sul muro. Spessorato persino il castello nel balloon dei suoi pensieri! E i capelli del bimbetto? Colorati con gli Spectrum Illustrator la cui punta più professionale (rispetto ai Noir) aiuta tantissimo a rendere i particolari e i dettagli più belli.

In alto a sinistra ho inserito il sentiment rigorosamente scritto a mano poiché si tratta di una citazione di Martin Luther King assolutamente in linea con l’idea di card che volevo realizzare. Ho scritto su un foglio di carta da acquerello che ho strappato tutt’intorno e distressato con l’Oxide Vintage Photo. L’effetto strappato della carta da acquerello è troppo bello per me! Ho poi regalato l’effetto vetro alla boccia del pesciolino sul comodino applicando il Glossy Accents.

Per l’interno della card, ho ovviamente mantenuto lo stesso sfondo e pavimento della copertina e montato esattamente al centro la shadow box ottenuta con la fustella madre e l’add on del teatrino. Con le fustelle dell’altro add on Lawn Fawn (Park Add-on) ho realizzato l’interno del paesaggio della storia… le fiabe accadono sempre nei boschi e c’è sempre un castello. Quest’ultimo preso in prestito dall’ultima uscita sulla magia “Dante e Boh” di Impronte d’autore. Dello stesso brand anche il bimbetto (1954-Clem B Foto Bimbi) che, con orgoglio e gioia, brandisce in mano il suo mago sullo stecco!

Già! Il mago sullo stecco!!! Ho ampliato la vasta gamma del timbrino originale con un paio di personaggi nuovi: visto che c’era il ranocchio, dovevo creare il Principe! E la strega. Facilissimi da realizzare aggiungendo con il mio inseparabile pennarello Memento particolari caratterizzanti sulle timbrate originali del bimbetto del set “Tiny Christmas”: una coroncina ed un mantello e stivali per il Principe, una tunica nera con cappuccio per la Strega. Ed il gioco è fatto. Dopo averli colorati e fustellati, ho fustellato anche una parte in cartoncino bianco, tagliato via le punte agli stuzzicadenti e incollato su una estremità sia la timbrata colorata sia la sua fustellata semplice. Il tutto fermato per qualche minuto con le mollettine di metallo a garantire la perfetta aderenza delle parti nell’asciugatura.

Una volta costruiti i personaggi delle storie, vere proprie marionettine sugli stecchi, ho colorato il drago e la fiammella collegando entrambi mediante una strisciolina di acetato bello spesso (quello delle confezioni dei giochi o della vaschetta del prosciutto del supermercato per intenderci!) così da rendere la fiammella sospesa in aria in corrispondenza della bocca. Stessa cosa ho poi fatto con il drago, che è sospeso in aria sulla scena teatrale.

Una volta completati tutti i personaggi fantastici da mandare in scena, li ho legati con un po’ di twine nero e bianco e fatti aderire ad un lato del teatrino con del nastro biadesivo.

Anche all’interno in alto a destra stessa carta per acquerello strappata e distressata pronta per scriverci su il sentiment: “Se non posso fare grandi cose, posso fare piccole cose in un modo fantastico.” Trovo che questa frase, questo aforisma, rappresenti tutti noi creativi.

Coraggio allora! Facciamo piccole cose in modo fantastico ché è questo lo spirito dello scrap!

Buona creatività a tutti! Patrizia

Patrizia Mongelli

Patrizia Mongelli

Non importa quanti timbri e fustelle hai... ti verrà chiesto sempre ciò che ti manca. Il mio vantaggio è saper disegnare!

Lascia un commento